Blog

Campania Felix, tra mare, storia e natura

anfiteatro di pompei

Visitare la Campania

Campania Felix dicevano gli antichi romani per designare la regione che ancora oggi porta quel nome. Felice perché dotata di un clima ammirevole, di paesaggi incantevoli, ma anche di una terra fertile e capace di offrire grandi prodotti alimentari a partire dal vino. La Campania è stata per i ricchi romani il primo luogo al mondo a diventare posto di villeggiatura: possiamo dire che qui è stato inventato il turismo. Gli imperatori romani costruirono ville a Capri, ricchi patrizi si insediarono a Ercolano, sulla Penisola Sorrentina, a Pozzuoli. Era questo il luogo dell’otium, che per i romani non significaca “non far nulla”, ma dedicarsi alla lettura, alla conversazione colta, alla convivialità.

Facendo base a Vico, si può seguire la strada dei nostri antenati e godersi una vacanza felice.

La base è ovviamente, nella nostra idea, Vico Equense e la Penisola Sorrentina, che in quanto a panorami, buon clima, atmosfera rilassata e prodotti alimentari, non teme confronti con nessuno. Qui, nel nostro Hotel Angiolieri, si può tornare la sera dopo aver visitato le altre meraviglie, partendo da Pompei, che è a meno di venti chilometri.

Pompei

Oggi Pompei è in una piana ai piedi del Vesuvio, quando fu distrutta dall’eruzione del 79 d.C. era sul mare e faceva parte di quella che oggi chiamiamo appunto Penisola Sorrentina. Dal suo porto partiva il vino che si coltivava sul Vesuvio e sui Monti Lattari, vino la cui esportazione in tutto il Mediterraneo ne fece la ricchezza (si provino il Lacryma Christi e il Piedirosso, sono gli eredi di quei vini). La visita a Pompei è sconvolgente: una sorta di viaggio nel tempo con la possibilità di visitare non solo il sito archeologico più grande del mondo, ma di ripercorrere la vita quotidiana di un campano di 2000 anni fa. Se non basta Pompei si vada a Ercolano, che presenta un sito più piccolo, ma ugualmente ricco e interessante.

La Costiera Amalfitana e le isole

Se non si è saturi di bei paesaggi marini di Vico e dintorni, dall’altro lato della Penisola c’è la Costiera Amalfitana, che presenta un insieme eccezionale di intreccio tra ambiente – di mare e di collina – paesi pittoreschi, beni culturali. Si visiti Positano con i suoi negozi di moda originale, Amalfi con il suo Duomo che ricorda lo splendore della Repubblica Marinara, poi si salga a Ravello, con le sue ville affacciate sul mare: uno spettacolo indimenticabile.

Ci sono le isole, poi, Capri, la regina, a un braccio di mare dalla Penisola, quasi suo prolungamento; elegante, raffinata, perfettamente adeguata al turismo di qualità, con le sue rocce, le grotte, ma anche l’arte. Ischia con le terme, il Monte Epomeo da cui si gode uno straordinario paesaggio, i tanti paesi affacciati sul mare. Infine la tranquilla e bellissima Procida, meno grande e ricca di Ischia, meno esclusiva e raffinata di Capri, ma assolutamente meritevole di una visita.

Napoli

C’è Napoli, che si stende sul Golfo in bella vista da Vico. Si può raggiungere in auto in mezz’ora (evitando i momenti di grande traffico) o con la Circumvesuviana, la ferrovia che ferma a cento metri dall’Hotel Angiolieri. La visita della città soddisfa qualsiasi desiderio. C’è la cultura con i grandi musei (l’archeologico conserva gli straordinari reperti di Pompei), le chiese, i palazzi, i castelli (solo il magnifico Maschio Angioino meriterebbe una visita). C’è il colore dei vicoli della città antica, sempre affollati di gente, di rumore, di vitalità. C’è una grande gastronomia, dalla pizza a libretto (ripiegata e chiusa in un cartoccio) da mangiare passeggiando, alla grande cucina dei buoni ristorati di pesce. Ci sono i panorami che si possono godere dal Lungomare, con il Vesuvio, il Golfo per intero, Capri. E la Penisola Sorrentina, in cui tornare stanchi e soddisfatti, la sera a godere del clima impareggiabile. Se non basta e il tempo lo consente, ci sono altre mille mete da visitare: Pozzuoli, il Vesuvio, Caserta con la Reggia, Salerno e le luci d’artista. Campania Felix!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *