- Perché prenotare con noi -

From the blog

Pasta Gragnano: una storia di eccellenza

pasta di gragnano

La pasta: prodotto italiano

La storia della pasta è una storia tipicamente italiana, nel senso più pieno dell’espressione, e che trova a Napoli e in Campania – e in particolare con la pasta di Gragnano nella Penisola Sorrentina – un luogo di adozione speciale. Storia italiana perché si diffonde in tutta la Penisola, ma anche perché mette insieme tradizioni e origini che vengono da culture e mondi diversi (l’Italia della cultura e quindi della cucina è capace di integrare mille tradizioni e di farle proprie e originali). Infine è italiana perché intorno a un prodotto comune si costruiscono mille varianti regionali e comunali che fanno del nostro paese quell’unicum che è.

Le origini della pasta

La pasta nasce nel Medioevo da tradizioni diverse, alcune originali: la pasta intesa come sfoglia – la lasagna – è conosciuta già dalla cucina romana; gli arabi poi dalla Sicilia fanno arrivare in tutta Italia la versione forma allungata – i vermicelli, le tagliatelle – che viene commercializzata secca, così da garantire lunga conservazione. Poi la pasta assume nel Medioevo anche il formato corto, dando vita a tutta la famiglia dei maccheroni che in ogni angolo d’Italia hanno le loro varianti. In quell’epoca la pasta viene consumata con il burro, spesso, nelle cucine ricche, con l’aggiunta di spezie che sono fino a tutto il Rinascimento l’arricchimento principale delle mense nobili.

Così la pasta secca assume piano piano il carattere di cibo tipizzante l’Italia, tanto che maccaroni sarà l’epiteto dispregiativo che per secoli gli stranieri daranno agli italiani.

Pasta e pomodoro a Napoli e Gragnano

Ma è nell’800 che la pasta trova la sua legittimazione totale, e si radica a Napoli e alla Campania, e sarà un altro ingrediente venuto da lontano, l’americano pomodoro, a darle la sua caratterizzazione attuale. In questo ambito la città di Gragnano diventa la capitale della pasta. Dal XV secolo grazie all’acqua proveniente dal Monte Faito in quest’area sorsero molini e pastifici, ma il 12 luglio del 1845, Ferdinando II di Borbone re del Regno delle Due Sicilie concesse il privilegio di fornire la corte di tutte le paste lunghe ai fabbricanti di Gragnano. Qui ci sono i migliori terreni grazie al microclima con sole vento e giusta umidità che viene dal vicino mare.

I pastifici di Gragnano divennero più di cento, e producevano oltre mille quintali di pasta al giorno. La via principale, il corso della città, divenne una sorta di essiccatoio naturale per la pasta come si può vedere in alcune vecchie fotografie.

Ancora oggi a Gragnano la pasta è un prodotto di eccellenza, esiste un consorzio di promozione e addirittura nel 2013 si è ottenuto la denominazione protetta IGP.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Perché prenotare con noi

Accedi alle tariffe più basse sul web
Check-in anticipato alle 10:00 (su disponibilità)
Late check-out alle 14:00 (su disponibilità)
Uso gratuito del garage privato