From the blog

I musei a Vico Equense

museo mineralogico vico equense

Vico Equense, cosa vedere: i musei

Visitare Vico offre mille possibilità, anche per il curioso di musei e opere d’arte ci sono interessanti opportunità. La prima più originale occasione è offerta dal museo mineralogico, sito peraltro vicino all’affaccio sul mare della bellissima via Filangieri, che offre alcune delle vedute panoramiche più belle della città. Ma entrati nel museo si fa un viaggio nel tempo straordinario, tra la sezione gemmologia, quella tipicamente mineralogica, fino a quella dal nome misterioso di sezione malacologia, che in realtà si riferisce alle conchiglie. Tutte collezioni importanti, ricche di reperti rari, che hanno attirato l’attenzione e la curiosità non solo di tanti visitatori, ma anche di studiosi e Premi Nobel, che hanno negli anni visitato le sale del museo.

Ci sono anche altre sezioni, interessanti anche per chi non ha curiosità scientifiche, si tratta della sezione antropologica e di quella paleontologica. La prima riguarda le tracce minerali lasciate dai nostri antenati in epoca primitiva, e quindi di punte di freccia, di strumenti, di utensili realizzati in pietra, quella pietra che ha segnato per milioni di anni la tecnologia umana. Tecnologia e arte, nel museo c’è anche una bellissima scultura in pietra risalente al paleolitico, vecchia cioè di centinaia di migliaia di anni, un tempo lontanissimo, in cui i nostri antenati sentivano il bisogno, non solo di costruire strumenti per la caccia e la vita quotidiana, ma anche oggetti di puro gusto estetico, a indicare che la ricerca del bello è antica come l’uomo.

Ancor più interessante anche per i bambini, la sezione paleontologica, dedicata ai fossili per un periodo che va dai 600 milioni di anni fa fino a poche migliaia di anni, un periodo lunghissimo, di cui si possono ammirare, tra le altre cose, dei reperti di dinosauri, uova, denti, ricostruzioni, tra cui quella del piccolo dinosauro “Ciro”, cioè dello Scipionyx Samniticus, il cucciolo rinvenuto in provincia di Benevento, unico dinosauro di cui sono stati rinvenuti gli organi interni.

L’Antiquarium Silo Italico

Ne abbiamo già parlato, a Vico, all’interno del Palazzo Comunale c’è un Antiquarium, che presenta l’esposizione di una serie di reperti archeologici di grande interesse, tutti rinvenuti nel territorio di Vico Equense, che quindi indicano come da tempo antichissimo questi luoghi sono stati abitati e frequentati da mercanti e da viaggiatori. Esposti in belle vetrine ci sono alcuni bronzi di fattura etrusca, dei vasi attici sia figure rosse che a figure nere, e poi altri interessanti reperti che arrivano fino all’epoca romana. Un periodo di tempo che va dal VII secolo a.C. (più o meno l’epoca in cui è vissuto Omero), fino al IV secolo d.C. all’epoca della decadenza dell’Impero Romano.

Museo del Cinema del Territorio della Penisola Sorrentina

Ma una sorpresa c’è nelle ultime sale, dove sono raccolte le locandine fotografiche di tanti film girati fin dall’epoca del muto nella Penisola Sorrentina. Si va dai film come la Cieca di Sorrento, fino al mitico Pane, amore e … con De Sica e la Loren, o ai musicarelli degli anni 60, che spesso vedevano la Penisola come scenario.

Una possibilità ampia di soddisfare curiosità e interessi culturali di vario tipo, cosa manca a una bellissima vacanza a Vico Equense?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *