Blog

Andar per sentieri nella Penisola Sorrentina

vico equense

A piedi a Vico Equense: sentieri ed escursioni

Camminare è uno dei – tanti – piaceri che si possono prendere in una vacanza a Vico Equense. Andar per sentieri nella Penisola Sorrentina, o passeggiare con gli splendidi panorami della costa e del mare sono attività che rendono indimenticabile una visita in questi luoghi. La Penisola è ricca di passeggiate, escursioni, possibilità di trekking per chiunque voglia dedicarsi al piacere del camminare. E ce n’è davvero per tutti i gusti: da chi vuole sfacchinare per sentieri di trekking vero e proprio in montagna, a chi vuole semplicemente fare una bella escursione senza grandi fatiche e attrezzature. Il sito del Cai presenta tutte le magnifiche escursioni che si possono fare sui Monti Lattari.

Noi qui parliamo delle passeggiate più semplici, di chi vuole camminare senza allenamenti o sforzi da sportivo. Da Vico Equense, senza nemmeno prendere l’auto, ci sono delle opportunità eccezionali per camminare in scenari bellissimi.

Sentieri in Penisola Sorrentina: San Francesco e il sentiero della Sperlonga

Un sentiero magnifico per panorami e alla portata di chiunque voglia camminare un po’, parte dal Convento di San Francesco che domina la città con il suo campanile rosso. Una visita alla Chiesa merita un po’ di tempo, almeno per vedere la statua bizantina di Santa Maria a Chieia, e, se si riesce, merita anche l’oratorio del convento ricco di maioliche napoletane del ‘700. Bello il panorama che si vede dal Belvedere con il monumento a San Francesco di Emilio Greco.

Scendendo però al cimitero, si imbocca un sentiero segnalato e su strada bianca comoda e senza difficoltà. Camminando per meno di un’ora tra piante di olivo e macchia mediterranea, si arriva alla sorgente della Sperlonga. Il panorama, per tutto il percorso, è magnifico, di fronte il Vesuvio e il Golfo di Napoli fino alle isole di Ischia e Procida, poi la Penisola fino alla punta e a un certo momento anche Capri. Tornando indietro se non si ha l’auto, si può scendere per un ripido, ma sempre comodo, sentiero fino alla Chiesa di Santa Maria del Toro, legata a una leggenda che avrebbe voluto che un toro si fosse inginocchiato di fronte all’immagine della madonna dipinta nella sua stalla dal devoto allevatore. Qui si passa tra gli ulivi, ancora con uno scenario meraviglioso che si apre sullo Scrajo. Da santa Maria del Toro, con un breve tratto a gradoni in discesa, si raggiunge il centro di Vico con i suoi piaceri.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *